LUNIONECOSTITUZIONE – SEDE – SCOPI E DURATADELL’ASSOCIAZIONE

   

1)      ART.1) E’ costituita l’associazione culturale senza fini di lucro, politici o confessionali, denominata “ EFT – AZIONE ”.

L’associazione ha come scopi: promuovere e diffondere la cultura in  generale con particolare riferimento all’attività artistica, iniziazioni spirituali, tecniche spirituali, naturali, scientifiche; tutto quanto in maniera indipendente e incondizionata rispetto a fedi politiche, partitiche o religiose; nel perseguimento dei propri fini, porre in essere azioni caratterizzate da connotazioni educative e non violente ispirate dal senso di comunità umana e dall’amore incondizionato per il creato.

ART.2) L’associazione ha sede legale in Brescia

Il Consiglio Direttivo potrà istituire sedi distaccate determinandone il funzionamento e i rapporti con la sede centrale.

ART.3) L’associazione realizza il suo programma attraverso seminari, conferenze, corsi di aggiornamento, visite guidate e sopralluoghi, escursioni e viaggi studio, allestimento di mostre, pubblicazioni ed ogni altra iniziativa che, dopo l’approvazione del Consiglio Direttivo, sia giudicata conforme al carattere e agli scopi dell’associazione medesima.

Per il conseguimento dei suoi scopi l’associazione potrà inoltre compiere qualsiasi operazione, assumere tutte le iniziative, porre in essere ogni atto idoneo a favorire la concreta attuazione dei suoi fini e delle attività che ne costituiscono l’oggetto, essa potrà altresì coordinarsi con altri enti operanti nel settore, aggregare altri organismi per rendere più efficace la propria azione nonché partecipare a consorzi, associazioni ed altre strutture organizzative aventi finalità similari alle proprie.

ART.4) Le entrate dell’associazione sono costituite da:

-quote e contributi di soci o di altri sovventori;

-eventuali contribuzioni o sussidi dello Stato o di altri Enti;

-liberalità, lasciti o donazioni da chiunque disposti;

-ogni altro provento, corrispettivo, sopravvenienza o entrata comunque conseguiti.

Tutte le predette entrate costituiranno patrimonio dell’associazione.

E’ fatto divieto di distribuire anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla Legge.

2)      ART.5) L’associazione culturale  “EFT – AZIONE”  ha durata indeterminata.

TITOLO II

SOCI

ART.6) Chi desideri diventare socio deve fare domanda al Consiglio Direttivo, dichiarando di accettare le norme dello Statuto Sociale; detta domanda dovrà essere firmata per presentazione da almeno un socio.

ART.7) I soci si distinguono in:

a)        Soci Fondatori

b)        Soci Ordinari

ART.8) Sono “Soci Fondatori” le persone che hanno partecipato alla costituzione dell’Associazione Culturale e coloro ai quali successivamente il Consiglio Direttivo abbia attribuito tale qualifica.

ART.9) Sono “Soci Ordinari” coloro che abbiano domandato di far parte dell’Associazione Culturale e la cui domanda sia stata accettata dal Consiglio Direttivo.

ART.10) Il socio è tenuto a versare la quota di ammissione prescritta ed a pagare annualmente il contributo fissato dall’assemblea.

Tutti i contributi sociali dovranno essere versati all’Amministrazione non oltre il mese di settembre di ciascun anno.

Ai soci è data una tessera sociale.

Le quote o i contributi associativi non sono rivalutabili e sono intrasmissibili per atto tra vivi.

La qualità di associato è a tempo indeterminato.

La qualifica di socio fondatore attribuisce a quest’ultimo, maggiore di età, un diritto di voto per l’approvazione e la modificazione dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli Organi Direttivi dell’Associazione, nonché la facoltà di prendere visione dei libri sociali.

La qualifica di socio ordinario attribuisce a quest’ultimo, maggiore di età, un diritto di voto per l’approvazione e la modificazione dello Statuto e per qualsiasi delibera presa nell’assemblea straordinaria. La qualifica di socio ordinario, anche se maggiore di età, non attribuisce a quest’ultimo diritto di voto all’assemblea ordinaria.

Viene prevista la figura di socio sostenitore per colui il quale, oltre al pagamento della quota annuale, contribuisce, col versamento di una somma almeno pari a quella minima stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo, a sostenere progetti, promossi dall’Associazione, volti allo sviluppo o alla tutela di comunità indigene in stato di necessità.

ART.11) I soci che entro il 31 dicembre di ogni anno non abbiano corrisposto la quota annuale saranno considerati decaduti.

Oltre che per morosità si può incorrere nella decadenza dalla qualità di socio per aver comunque nociuto agli interessi e al prestigio dell’associazione. La decadenza, decisa dal Consiglio Direttivo, sarà comunicata con la motivazione all’interessato.

TITOLO III

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

ART.12) Sono organi dell’associazione “EFT – AZIONE”:

a)        L’assemblea generale dei soci fondatori;

b)        Il Presidente;

c)        Il Consiglio Direttivo.

ART.13) L’assemblea può essere ordinaria e straordinaria. Essa è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo o in caso di assenza, dal Consigliere anziano, o in difetto da altra persona designata dall’Assemblea.

L’assemblea straordinaria deve essere verbalizzata da un Notaio.

L’assemblea ordinaria deve essere convocata dal Consiglio Direttivo almeno una volta l’anno entro il 30 aprile per:

1)        approvare il rendiconto economico e finanziario consuntivo dell’anno decorso;

2)        provvedere alla elezione delle cariche sociali;

3)        stabilire l’ammontare dei contributi annuali, della quota di ammissione e di altre eventuali contribuzioni dei soci;

4)        deliberare su eventuali altri argomenti iscritti all’ordine del giorno o proposti in Assemblea, salvo quelli di competenza esclusiva dell’Assemblea Straordinaria.

La convocazione dell’assemblea ordinaria e straordinaria viene fatta a mezzo di avviso contenente l’indicazione del giorno, dell’ora e del luogo dell’adunanza, in prima e seconda convocazione e l’elenco delle materie da trattare, da esporre presso la sede sociale almeno 15 (quindici) giorni prima di quello fissato per l’adunanza.

ART.14) Alle assemblee, ordinaria e straordinaria, potranno prendere parte, con diritto di voto, tutti i soci, in regola con il versamento dei contributi annuali, così come disciplinato dall’art.10 del presente statuto. Il socio con diritto di voto, impossibilitato ad intervenire alle assemblee, può farsi rappresentare mediante delega scritta da altro socio esplicitamente designato. Nessun socio può essere depositario di più di una delega.

ART. 15) Le assemblee sono valide, in prima convocazione, quando il numero dei soci aventi diritto al voto, intervenuti o rappresentati, non sia inferiore ad 1/3 (un terzo) dei soci aventi diritto al voto; ed in seconda convocazione qualunque sia il numero degli intervenuti o rappresentati. Le deliberazioni vengono comunque prese a maggioranza dei votanti presenti.

ART.16) Alle assemblea convocate per modificare lo Statuto o per sciogliere l’Associazione debbono essere presenti almeno la metà degli associati.

Le deliberazioni relative vanno prese a maggioranza assoluta dei presenti ed il relativo verbale dovrà essere redatto da un Notaio.

Il processo verbale di ciascuna assemblea è redatto da un Consigliere di amministrazione o da un socio designato allo scopo dall’assemblea e resterà depositato presso la sede legale nei successivi quindici giorni alla seduta.

Qualora anche nell’assemblea di seconda convocazione non si raggiungesse il numero prescritto per la validità delle deliberazioni, la proposta approvata dall’Assemblea verrà sottoposta a referendum mediante pubblicazione scritta ai soci e s’intenderà definitivamente approvata se entro trenta giorni da questo invio, la maggioranza assoluta dei soci, aventi diritto al voto, non avrà fatto opposizione mediante lettera raccomandata.

ART.17) Il Consiglio Direttivo è composto da :

- un Presidente;

- un Segretario Generale;

- un Consigliere.

Non possono entrare a far parte del Consiglio Direttivo altri che non siano Soci dell’associazione “EFT – AZIONE ” in regola con il pagamento delle quote.

Le eventuali vacanze delle suddette cariche vengono colmate a cura del Presidente con altri membri del Consiglio Direttivo.

ART.18) Il Presidente e il segretario sono i rappresentanti legali dell’associazione “EFT – AZIONE” per tutte le manifestazioni e gli atti amministrativi dell’Associazione e possono esercitare detta rappresentanza legale disgiuntamente tra loro. Il Presidente e il Segretario-Tesoriere inoltre convocano e presiedono le riunioni del Consiglio Direttivo e le Assemblee dei soci; in accordo con i membri del Consiglio Direttivo, scelgono i collaboratori; provvedono alla riscossione degli eventuali contributi concessi da enti pubblici o privati e stabiliscono il programma dell’attività culturale dell’Associazione.

ART. 19) Il Consiglio Direttivo è investito di ogni potere decisionale in merito alle iniziative da assumere ed ai criteri da seguire per il conseguimento e l’attuazione degli scopi dell’associazione.

In particolare il Consiglio:

-fissa le direttive per l’attuazione dei compiti statutari, ne stabilisce le modalità e le responsabilità di esecuzione;

-formula il programma annuale da sottoporre all’approvazione dell’assemblea;

-predispone le relazioni da presentare all’assemblea relativamente all’attività svolta;

-predispone annualmente il rendiconto economico e finanziario nel rispetto di corretti principi contabili;

-delibera l’accettazione di lasciti, donazioni e contribuzioni varie;

-propone all’approvazione dell’assemblea il regolamento interno o le eventuali modifiche dello Statuto Sociale;

-stabilisce la data di convocazione delle assemblee e predispone il relativo ordine del giorno;

-accetta o rifiuta le domande di ammissione o le dimissioni dei soci.

Le sue deliberazioni sono prese a maggioranza dei voti; in caso di parità dei voti prevale quella presa con il voto del Presidente. Si stabilisce espressamente che, in caso di parità di voti, qualora il voto dell’Amministratore – Tesoriere sia contrario al voto del Presidente, prevale comunque la delibera presa con il voto del Presidente.

Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno 1 (una) volta l’anno ed è di regola presieduto dal Presidente, in caso di impedimento da parte di quest’ultimo le sue funzioni verranno rilevate dall’Amministratore-Tesoriere o, in mancanza, dal Consigliere più anziano.

ART. 20) Il Segretario Generale si occupa del verbale delle riunioni del Consiglio Direttivo e svolge tutte quelle funzioni che il Presidente non ritenga opportuno affidare ad altri.

ART.21) Il Consigliere si occupa altresì della parte amministrativa dell’Associazione; tiene i rapporti con Istituti di Credito, compila il rendiconto, corredandolo di tutti i documenti giustificativi ritenuti opportuni dal Consiglio Direttivo.

ART.22) L’esercizio finanziario coincide con l’anno solare.

Il rendiconto economico e finanziario è predisposto dal Consiglio Direttivo che lo presenta all’assemblea ordinaria dei soci per l’approvazione.

Esso deve comprendere lo stato patrimoniale ed il conto economico.

Tale rendiconto con i relativi documenti a corredo, deve essere affisso nella sede legale almeno 5 (cinque) giorni prima dell’assemblea affinché gli associati ne possano prendere visione.

ART.23) Tutte le cariche sociali hanno durata quadriennale e sono rinnovabili. Nessuna carica è retribuita. Può essere corrisposta un’indennità a titolo di rimborso spese a coloro che in modo continuativo ed intensivo si dedichino alla organizzazione culturale tecnica od amministrativa dell’associazione.

TITOLO IV

DISPOSIZIONI GENERALI

ART.24) Lo scioglimento dell’Associazione dovrà essere deliberato dall’assemblea straordinaria dei soci, la quale fisserà le norme per la devoluzione dei fondi dell’associazione.

In caso di scioglimento dell’Associazione per qualsiasi causa essa avvenga, il patrimonio associativo sarà devoluto ad altra Associazione con finalità analoghe o affini di pubblica utilità sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 190 della Legge 23 dicembre 1996 n. 662 e salvo diverse destinazioni imposte dalla Legge.

ART.25) Per quanto non previsto dal presente Statuto si fa riferimento alle disposizioni dettate dal Codice Civile in materia di Associazioni.

Letto, approvato e sottoscritto

Brescia, 14 Febbraio 2011

Il Presidente   SIRELLI MONICA

Il Segretario   COSSU ANNA

Il Consigliere  MASSIMO RIVA

917 498 814316         71974131981       216498517   74931721978   694217319848       69871489851       316714518971       498712318491